“Come non farti truffare dalla crescita del fatturato nel mercato immobiliare che ti fa credere che aspettare ancora prima di vendere casa tua sia una buona idea!”

[et_pb_section admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo”]

Vendere casa subito sì o no?

NOTA: In questo articolo parlerò di questo argomento in un modo insolito… e magari in alcuni frangenti ti potrà sembrare anche controintuitivo.

Eppure ti posso garantire che tutto quello che stai per leggere è dannatamente vero!

[Tempo di lettura stimato: 6 minuti]

 

Se ti dicessi che, dati alla mano, nel 2016 il fatturato del mercato immobiliare italiano è aumentato del 2,7%, mentre nel 2017 sta registrando un +4% e che nel 2018 si prevede addirittura un +5,9%, d’istinto potresti pensare che sia una buona idea stringere i denti e vendere nel 2018.

Ma attento a non farti ingannare da questi dati…

…in realtà aspettare per vendere casa vuol dire perdere denaro ogni giorno che passa.

Quindi se stavi pensando di aspettare ancora qualche mese prima di vendere casa, con la speranza di guadagnare molti più soldi dalla vendita della stessa, sono dispiaciuto ma devo fare il guastafeste ed avvisarti che…

più aspetti per vendere e meno soldi ti metterai in tasca, anche se il fatturato del mercato immobiliare è in crescita!

Lascia che mi spieghi meglio…

È vero che c’è stato un aumento del fatturato globale del mercato immobiliare, ma questo incremento è dovuto a un maggior numero di compravendite e non a un aumento dei prezzi degli immobili.

Quindi il fatturato totale non è aumentato perché i prezzi sono aumentati, ma è successo perché sono state vendute un maggior numero di case.

In realtà, come spiegato anche in questo articolo, i prezzi degli immobili sono destinati ancora a scendere a causa della bolla immobiliare scoppiata nel 2007. Quando un eccessivo e costante aumento del valore degli immobili, che durava dagli anni ‘80, fece crollare a velocità impressionante la domanda e di conseguenza anche i prezzi.

Il problema vero è che il numero di compravendite a partire dal 2008 calò in maniera molto più significativa rispetto al valore degli immobili, e questo causò uno squilibrio tra domanda e offerta.

In sostanza in breve tempo ci siamo ritrovati in una situazione in cui ci sono molte case in vendita, ma poche persone che possono permettersi di acquistarle.

Proprio per questo se si vuole tornare ad avere una situazione di equilibrio nel mercato immobiliare sono essenziali 2 cose:

tick Un aumento del numero delle compravendite

tick Un abbassamento dei prezzi

Queste sono esattamente anche le 2 principali ragioni per cui se vuoi vendere casa, soprattutto per una questione di liquidità, dovresti farlo subito senza farti ingannare dall’aumento del fatturato del mercato immobiliare.

Infatti se da una parte sta aumentando il numero di compravendite, dall’altra anche i prezzi devono fare la loro parte e scendere ancora un po’, ne consegue che se non vuoi ritrovarti a svendere la tua casa fra qualche tempo dovresti iniziare a pensare a come venderla il prima possibile e al miglior prezzo.

Ma la fortuna è dalla tua parte…anche se ancora per poco

Ho infatti altre 2 notizie per te (una bella e una brutta)

Quella bella l’avrai magari già sentita: la Banca Centrale Europea negli ultimi 3 anni hapiù volte erogato fondi alle banche obbligandole a impegnarli per generare interessi.

E per una Banca qual è un ottimo modo per impegnare soldi e generare interessi (guadagni)?

Esatto: concedere mutui.

Ne consegue che – in questo momento – un maggior numero di persone ha la disponibilità economica per acquistare una casa… magari la tua!

Ed ecco perché dovresti sfruttare l’occasione per cercare di piazzare il tuo immobile in vendita e liberarti da un pesante fardello che erode le tue finanze giorno dopo giorno a causa di tutti gli oneri a cui un proprietario di casa deve far fronte.

Quando non ci sarà più il bazooka di Draghi

Veniamo ora alla notizia brutta:

il Quantitative Easing di Draghi (anche detto “bazooka“) sta per finire.

mercato immobiliare genova conseguenze su mutui vendite casa giovanni zafettieri

Draghi sta ragionando su un’interruzione totale dei soldi facili alle banche a partire dal 2018, al quale seguirebbe un graduale rialzo dei tassi di interesse e quindi mutui sempre più difficili

Ma questo cosa significa in pratica?

Il presidente della Banca Centrale Europea, Draghi sta pianificando la fine dei soldi facili alle banche, ed è facile immaginarsi le conseguenze di questa scelta – non solo sulla situazione politica, ma anche sul mercato immobiliare italiano.

L’uso del bazooka di questi ultimi anni è ciò che ha spinto davvero le compravendite, rendendo i mutui più facili. E anche per quelli che pensano che Draghi invece manterrà per il 2018 il QE, c’è comunque un fattore da no poco su cui ragionare.

La presidenza della BCE capitanata da Draghi sta volgendo al termine, e le pressioni di Berlino sono forti. E’ ragionevole aspettarsi quindi che quando lui passa il timone arrivi un tedesco, con
difficoltà ancora maggiori a mantenere i mutui a questo livello.

Quindi un ennesimo motivo per non farti ingannare dalla crescita del mercato immobiliare degli ultimi 3 anni.

“C’è del marcio in Danimarca”

Come se non bastasse, se aspetterai ancora, il valore della tua casa scenderà nuovamente a causa del naturale riequilibrio tra prezzi e numero di compravendite!

prezzi-case-italia

Certo, sarebbe tutto molto più bello se per riequilibrare il mercato immobiliare salissero solo il numero delle compravendite e non scendessero i prezzi, ma uno scenario di questo genere porterebbe presto ad un’altra bolla immobiliare come è accaduto recentemente in Danimarca.

giovanni zafettieri agente immobiliare sulla crisi delle banche danesiCome spiegato in questo articolo, appena terminato l’uragano che ha colpito il settore immobiliare tra il 2007 e il 2008, per accelerare il processo di aumento dei prezzi del mattone, la Banca danese ha iniziato ad erogare una gran quantità di mutui anche con tassi negativi nella speranza di aumentare il numero di compravendite…

Questo purtroppo ha portato a un aumento dei prezzi degli immobili fino al 60% (!!!), una crescita eccessiva che nel 2012 ha portato a un’altra bolla immobiliare, scoppiata quando ancora non si erano rimarginate le ferite per quella esplosa nel 2008.

E tu? Sei in una di queste 4 categorie?

So benissimo che pensare di vendere il proprio immobile dopo il crollo del valore del mattone, in una situazione in cui ci sono molte case in vendita e poche persone disposte a comprarle può spaventare, ma ti posso assicurare che se fai parte di una di queste 4 categorie la crisi immobiliare e i suoi effetti non ti riguardano:

  1. Hai acquistato prima del 2003

Nonostante il crollo dei prezzi degli ultimi anni il valore degli immobili oggi è superiore a quello del 2003 e quindi, se hai comprato la tua casa prima, ora ha sicuramente un valore maggiore rispetto a quanto speso per acquistarla.

  1. Vendi per ricomprare

In questo caso – anche se il valore di casa tua è stato preso a calci dalla crisi, che lo ha ridimensionato parecchio – non devi preoccuparti, perché la cifra che “perderai” vendendo il tuo immobile ora la recupererai quando acquisterai la tua casa nuova, visto che anche il valore di questa risulterà abbattuto dalla crisi!

  1. Hai bisogno di liquidità

In questo caso – pure se il valore del tuo immobile è inferiore rispetto a quanto hai speso per acquistarla – ti conviene venderla il prima possibile perché, come hai visto più su in questo articolo, il suo prezzo è destinato a calare ancora.

Senza considerare tutte le spese passive a cui è tenuto un proprietario…

Spese passive che ci portano al caso numero 4.

  1. Quella che vuoi vendere non è la tua casa di residenza

Infatti se hai una casa in cui non vivi sei costretto comunque a pagare tasse e spese ordinarie e straordinarie.

Quindi se non abiti nell’immobile che vuoi vendere e non ti produce reddito sarebbe meglio monetizzare subito il suo valore e investire il gruzzolo in qualcosa di più profittevole.

Arrivati a questo punto, se fai parte di una di queste 4 categorie, quello che devi fare è studiare una strategia per vendere la tua casa al miglior prezzo nel minor tempo possibile.

strategie alternative per vendere casa giovanni zafettieri agente immobiliare genova

Visto che non voglio assolutamente lasciarti solo in questa avventura difficile ma non impossibile, ho preparato per te una Guida speciale per aiutarti a non commettere gli errori madornali che fanno la stragrande maggioranza dei proprietari quando vogliono vendere casa.

Perché sarà anche vero che:

  • il mercato immobiliare è stato colpito dalla crisi,
  • i prezzi sono calati drasticamente
  • e ci sono poche persone che hanno la disponibilità economica per acquistare una casa

ma ogni giorno ci sono proprietari che vendono il loro immobile portando a casa cifre considerevoli e io voglio aiutarti a diventare uno di loro il prima possibile!

Quindi se non lo hai ancora fatto clicca sul link qui in basso e scarica subito la speciale Guida (gratuita) che ho preparato per te:

“I 7 gravi errori che devi evitare se vuoi vendere casa senza problemi e al prezzo migliore anche in tempi di crisi”

vendere casa subito genova

👆 Clicca sull’immagine per scoprire come fare per Vendere Casa a Genova al Prezzo più vantaggioso, nel minor Tempo possibile, senza Rischi e Stress!

 

P.S.

Se invece hai già scaricato la Guida gratuita e hai bisogno di qualcuno che ti aiuti a vendere subito il tuo immobile puoi dare un’occhiata a questa pagina e scoprire il mio sistema Exclusive Casa che ti permette di vendere il tuo immobile a Genova in soli 3 mesi! Scopri come fare per Vendere Casa a Genova al Prezzo più vantaggioso, nel minor Tempo possibile, senza Rischi e Stress!

👉 Scopri subito Exclusive Casa, il sistema per vendere casa SUBITO!

E Buona Vendita!

Giovanni Zafettieri

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]




Lascia la tua email qui sotto per ricevere la mia Guida Gratuita:

Giovanni_Zafettieri_5_Errori_da-evitare-quando-vendi-casa-tua-seconda-versione-versione-cover

Commenta con Facebook

Leave A Response

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.

* Denotes Required Field